Il sogno di tutti gli imprenditori online è quello di vedere il proprio sito in primissima pagina su Google. Un antico proverbio dice che se vuoi nascondere un cadavere da qualche parte per non essere arrestato il luogo migliore è la seconda pagina di Google. In effetti, se il tuo sito finisce lì sei alquanto fregato.

In generale, si stima che circa il 75% degli utenti non si sposti oltre la prima pagina dei risultati di ricerca di Google. Ciò significa che solo il 25% degli utenti potrebbe accedere ai siti web che appaiono nella seconda pagina dei risultati di ricerca di Google e nelle successive.

È importante notare che l’importanza della posizione nella pagina dei risultati di ricerca di Google dipende dal tipo di query di ricerca. Per esempio, per le ricerche locali, la posizione è ancora più critica, in quanto la maggior parte degli utenti tende a cliccare sui primi risultati della ricerca.

Posizionare il proprio sito web nella prima pagina dei risultati di Google è fondamentale perché la maggior parte degli utenti non guarda oltre la prima pagina dei risultati di ricerca. Se oltre il 75% degli utenti non si sposta oltre la prima pagina di Google, significa che se il tuo sito web non compare tra i primi risultati della ricerca, la possibilità di ricevere traffico organico è significativamente ridotta.

Essere tra i primi risultati di ricerca di Google significa anche aumentare la visibilità del proprio sito web e quindi la possibilità di interagire con il proprio pubblico di riferimento. Inoltre, un posizionamento elevato su Google aumenta anche la credibilità e l’affidabilità del proprio sito web, in quanto gli utenti tendono a considerare i primi risultati di ricerca come quelli più rilevanti e autorevoli.

Tieni a mente anche questi altri dati: per quanto riguarda la percentuale di click, i primi tre risultati organici di Google ricevono circa il 60% di tutti i click dei risultati di ricerca, mentre il quarto e il quinto risultato ricevono rispettivamente il 4% e il 3% dei click. Gli utenti che cliccano sui risultati oltre la quinta posizione sono inferiori all’1%. Questi dati confermano l’importanza di essere tra i primi risultati di ricerca su Google per ottenere un traffico significativo al proprio sito web.

Organico o a pagamento? Questo è il dilemma

Hai mai cercato qualcosa su Google e notato che i primi risultati sono sempre degli annunci pubblicitari? Sì, sono quelli che appaiono in alto, segnalati come “annuncio“. Ma sapevi che esiste un altro modo per apparire in cima ai risultati di ricerca di Google, senza spendere un centesimo in pubblicità? Questo è il posizionamento organico ed è ciò che vedrai al di sotto degli annunci pubblicitari nella pagina dei risultati di ricerca di Google.

Il posizionamento organico è molto importante perché offre una grande visibilità alla tua attività online, senza dover spendere soldi in annunci pubblicitari. Tuttavia, ottenere una posizione elevata nei risultati di ricerca organica richiede tempo e sforzo. In questo articolo, ti mostrerò come raggiungere il posizionamento organico senza investire in annunci pubblicitari.

Se ho molto budget a disposizione, perché dovrei impiegare molte energie per il posizionamento organico?

Molte persone online sono convinte che sia sufficiente pagare Google per posizionarsi nei primi risultati di ricerca. Pubblicare annunci a pagamento con Google Ads può aiutare a ottenere visibilità immediata per il tuo sito web, ma non garantisce necessariamente un posizionamento elevato nel lungo termine.

Il posizionamento organico dipende da una serie di fattori, tra cui la qualità e la pertinenza dei contenuti, l’autorità del sito web e la qualità dei backlink. Inoltre, i motori di ricerca come Google utilizzano algoritmi complessi per determinare il posizionamento organico di un sito web, e questi algoritmi tengono conto di molti fattori diversi. Non basta pagare Google per posizionarsi al meglio (anche perché tanti competitor utilizzano questa strategia, quindi le possibilità di posizionarsi prima di loro si abbassano).

C’è poi una serie di rischi e svantaggi legati alla pubblicità a pagamento su Google:

  1. la pubblicità su Google Ads può essere costosa, soprattutto per le parole chiave più competitive. Inoltre, se non viene gestita correttamente, può portare a un cattivo rapporto costi/benefici
  2. in molti settori, la pubblicità su Google Ads è molto competitiva, il che significa che le aziende possono dover competere con altre aziende per le stesse parole chiave e il posizionamento degli annunci
  3. se ci si basa troppo sulla pubblicità su Google Ads, l’azienda può diventare dipendente dal canale e rischiare di perdere traffico e lead qualificati se il budget per gli annunci viene ridotto o eliminato
  4. la pubblicità su Google Ads può essere soggetta a clic fraudolenti, ovvero quando un utente o un concorrente fanno clic ripetutamente sugli annunci dell’azienda al fine di aumentare i costi della campagna pubblicitaria
  5. infine, la pubblicità su Google Ads può essere visualizzata anche su siti web affiliati a Google, il che significa che l’azienda non ha il controllo completo sui siti web su cui vengono visualizzati gli annunci.
esempio di strategia seo vista su search console. una strategia di questo tipo porta a una crescita del sito senza investire in ads.
Come vedi da questo grafico, una strategia SEO rodata e costante ti porta a una crescita sempre maggiore del tuo sito senza investire in ads. Il sito, a questo punto, diventa un vero e proprio asset di cattura clienti.

Vediamo allora come dare maggiore peso al posizionamento organico senza spendere troppi soldi ed esponendosi a rischi difficilmente gestibili.

La base della SEO: le parole chiave

Le parole chiave sono i termini di ricerca che gli utenti digitano su Google per trovare ciò che stanno cercando. Tutte le strategie SEO, in qualche modo, rimandano alle keywords, in quanto sono quelle utilizzate dagli utenti per trovare ciò che gli interessa. Quindi, scegliere le parole chiave giuste è fondamentale per ottenere un buon posizionamento organico sui risultati di ricerca di Google. Per individuare le parole chiave più rilevanti per il tuo sito web, ci sono alcuni aspetti da tenere a mente.

In primo luogo, devi scegliere parole chiave pertinenti per la tua attività o il tuo prodotto. Ad esempio, se sei un negozio di abbigliamento, le parole chiave potrebbero essere “abbigliamento di moda”, “vestiti online”, “abiti da cerimonia”, ecc. Tieni presente che le parole chiave devono essere altamente pertinenti al tuo sito web e al tuo contenuto.

Per trovare le parole chiave più rilevanti e di alta qualità, puoi utilizzare strumenti online gratuiti come Google Keyword Planner e Answer the Public. Ce ne sono poi altri a pagamento con funzioni molto più complesse per chi di mestiere si occupa della SEO. Questi strumenti ti aiuteranno a scoprire le parole chiave più popolari, le ricerche correlate e altre parole chiave che potresti non aver considerato.

Ci sono alcune parole chiave che sono molto competitive e difficili da posizionare, mentre altre meno competitive possono aiutare a ottenere un posizionamento organico più elevato. Inoltre, ci sono parole chiave a coda lunga (o long tail) che sono più specifiche e meno competitive. Ad esempio, “abiti da cerimonia per donne anziane” potrebbe essere una parola chiave a coda lunga, meno competitiva ma altamente pertinente per il tuo sito web.

Una volta che hai scelto le parole chiave giuste, è importante utilizzarle strategicamente all’interno del tuo sito web. Le parole chiave dovrebbero essere incluse nel titolo della pagina, nella descrizione meta, nei contenuti e nei tag. 

Trovare le giuste keywords è solo il primo passo per posizionarsi al meglio in modo organico su Google. Si tratta di una ricerca alla base di tantissime altre strategie che vedremo tra poco.

Come usare le keywords? Scrivi contenuti di qualità

Il modo più immediato di usare le keywords e posizionarsi senza pagare un centesimo in pubblicità consiste nel generare contenuti di qualità. Possono essere articoli di blog, video Youtube con annesse descrizioni, contenuti social con caption e molti altri. 

Creare contenuti originali, informativi e pertinenti al proprio pubblico di riferimento può migliorare significativamente la posizione del tuo sito web sui motori di ricerca. La creazione di contenuti che rispondano alle domande e alle preoccupazioni del tuo pubblico può aumentare l’engagement e la fiducia nei confronti del tuo sito web e quindi migliorare il traffico.

Leggi anche: 10 vantaggi del Content Marketing se sei un’azienda o un freelance

Maggiori sono i clic al tuo blog o ai contenuti pubblicati sul tuo sito e più opportunità guadagni di posizionarti al meglio su Google, in quanto il motore di ricerca giudicherà interessante e di qualità il tuo sito.

Ci sono diverse tecniche per creare contenuti di qualità, come ad esempio la scrittura di articoli di blog informativi, l’utilizzo di immagini e video di alta qualità e la creazione di infografiche. La chiave è quella di creare contenuti unici e originali che offrano valore aggiunto al tuo pubblico. Ne abbiamo già parlato in altri articoli precedenti, alcuni dei quali hanno sottolineato l’importanza di creare prima un piano editoriale. Riprendili tutti e comincia a occuparti seriamente dei tuoi contenuti.

Inoltre, è importante ottimizzare i contenuti creati per le parole chiave scelte. Ciò significa utilizzare tecniche di ottimizzazione on-page, come l’utilizzo di meta descrizioni, titoli e sottotitoli pertinenti e l’utilizzo di parole chiave nel testo. Oppure, ci sono altre strategie che puoi mettere in pratica per ottenere ottimi risultati anche in modo organico.

Link building e condivisione sui social media

Negli scorsi articoli abbiamo trattato l’argomento del link building, come si effettua in modo efficace e quali vantaggi può portare. Per chi avesse la memoria corta, il link building si riferisce alla pratica di ottenere link da altri siti web, creando un profilo di backlink solido e di alta qualità. Questo processo può essere ottenuto attraverso la partecipazione a forum di settore, la scrittura di guest post su siti web pertinenti al proprio settore e l’utilizzo di tecniche di scambio di link.

Ovviamente, è bene creare dei collegamenti sia interni che esterni di qualità. Stai attento a non rimandare a pagine interne del tuo sito “cieche”, ovvero non più collegate a un contenuto, perché lo hai precedentemente eliminato. Questo potrebbe davvero mettere in difficoltà il tuo sito. 

D’altra parte, per i tuoi link esterni, scegli solo siti autorevoli e con molto traffico. Evita siti poco sicuri o di dubbia qualità, per non penalizzare il tuo sito.

C’è poi un altro consiglio che mi sento di darti per posizionare al meglio il tuo sito web ed è quello di sfruttare i social media. Cosa c’entrano i social network con il posizionamento su Google? Te lo spiego subito.

I social media possono aiutare un sito web a posizionarsi meglio in modo organico su Google in molti modi diversi:

  • condividere i contenuti del sito web sui social media può aumentare la visibilità del sito, portando a un maggiore traffico e ad un aumento delle condivisioni e dei backlink
  • quando i contenuti del sito web vengono condivisi sui social media, gli utenti possono decidere di linkare il sito dalla loro piattaforma. Ciò genera dei backlink verso il sito
  • la costruzione di una community sui social media può portare a maggiori condivisioni, interazioni e visibilità del sito web
  • utilizzare le parole chiave pertinenti nel contenuto dei post sui social media può aiutare a migliorare il posizionamento organico del sito web. In questo modo, i post possono comparire nelle ricerche su Google e portare a maggiori visite al sito. Ribadiamo anche che i social network ormai stanno diventando dei veri e propri motori di ricerca: se gli utenti cercano determinati contenuti o persone, utilizzano delle keywords nella barra di ricerca del social e sfruttano i risultati per fare visita al sito web dell’azienda o del professionista. Quindi, non trascurare quest’ultimo aspetto!

Consigli per sfruttare bene i social network e migliorare il tuo posizionamento su Google senza investire in ads

  1. Identifica i social media pertinenti al tuo settore e al tuo pubblico di riferimento e crea un account su di essi
  2. Crea contenuti interessanti e di alta qualità da condividere sui social media, utilizzando parole chiave pertinenti
  3. Utilizza le funzioni di condivisione dei social media presenti sul tuo sito web per facilitare la condivisione dei tuoi contenuti sui social media
  4. Partecipa attivamente alle discussioni sui social media relative al tuo settore e condividi i tuoi contenuti in modo appropriato
  5. Utilizza le tecniche di link building per generare backlink verso il tuo sito web dalle piattaforme social media
  6. Monitora le metriche di engagement e di traffico dal sito web proveniente dai social media, per valutare l’impatto delle tue attività di social media marketing sul posizionamento organico del tuo sito web su Google.

A proposito di questo ultimo punto, il monitoraggio e l’ottimizzazione continua del posizionamento organico del proprio sito web sono fondamentali per garantire una presenza duratura e significativa nella prima pagina di Google. Utilizzando strumenti come Google Search Console e Google Analytics, è possibile monitorare il traffico organico del proprio sito web e identificare le aree che richiedono miglioramenti.

Per ottimizzare il posizionamento organico del proprio sito web, è importante utilizzare tecniche di ottimizzazione off-page come l’analisi dei dati di Google Analytics e l’aggiornamento continuo dei contenuti del proprio sito web. Inoltre, è importante tenere presente che il posizionamento organico richiede tempo e pazienza per ottenere risultati significativi e duraturi.

Insomma, per ottenere posizionamento organico senza investire in annunci pubblicitari, è importante scegliere parole chiave rilevanti e di alta qualità, creare contenuti autorevoli e pertinenti, utilizzare tecniche di link building e condivisione sui social media, monitorare e ottimizzare continuamente il proprio posizionamento organico. Ricordati sempre che il posizionamento organico richiede tempo e pazienza per ottenere risultati duraturi e significativi.

Continua a seguire questo blog per ottenere maggiori consigli per migliorare il tuo posizionamento e business online.